#tolktolk

Conversazioni tra professionisti

Tolktolk aperitivo. La metamorfosi di Instagram

Con Davide Morante, Social Media Manager abbiamo parlato di Instagram, cosa è cambiato e come può diventare un canale di promozione efficace. Ecco l'intervista scritta e il video della serata. 

Video integrale della serata

 

L'ultimo appuntamento prima dell’Estate abbiamo parlato dii Instagram con Davide Morante, Social Media Manager.

Instagram solo in Italia è usato da 15 milioni di utenti. Un numero importante soprattutto per chi decide di utilizzarlo per il proprio brand e per far conoscere i propri servizi.
Quanto è cambiato Instagram da quando fa coppia fissa con Facebook
Come fare una campagna promozionale efficace su Instagram? Quanto un’azienda riesce a vendere su questo social network? D’altronde i numeri parlano chiaro. Il social network delle immagini ha un seguito molto interessante per un’azienda che intende investire sui social.

Un po’ di numeri

Circa 200 milioni di instagrammer attivi al giorno visitano un profilo aziendale quotidianamente. Oltre 150 milioni di persone contattano le aziende tramite Instagram Direct, ogni mese e un terzo di questi messaggi inizia con una storia di Instagram. (Dati di Aprile). Secondo l’osservatorio Vincos  nelle 57 nazioni analizzate, si nota una competizione serrata tra Instagram, al secondo posto in 23 paesi, e Twitter, presente in 22 paesi. Il primo, in questo anno, è cresciuto fino a conquistare 800 milioni di utenti mensili, mentre il secondo pur crescendo di poco (ora ha 330 milioni di utenti) ha strappato 12 nazioni al network delle immagini.

Intervista a Davide Morante

D8X 5352

Quali sono stati i cambiamenti che ha subito Instagram da quando è diventata di Zuckerberg?

Sono tantissimi. Cambiare è nel dna di Zuckerberg (Facebook è cambiato tante volte nel corso del tempo) ed è una caratteristica che ha conferito longevità ai suoi social network. Ci sono tante app e social network “meteore” (vi ricordate Savannah, Foursqusare, VSCO? No? Appunto… ;) ), mentre  Facebook e Instagram sono tra i primi social network più usati quasi in tutto il mondo da tantissimi anni proprio per la capacità di cambiare.

Quando è stata acquistata da Facebook, Instagram era l’app delle foto quadrate a cui si potevano solo mettere dei filtri e stop. Da quando Facebook è arrivata… sono state introdotte le foto rettangolari (verticali o orizzontali), i messaggi privati tra utenti, i profili aziendali con le statistiche, tanti nuovi settaggi per il photo-edting, gli album, i video da 60 secondi, le dirette, le storie… Instagram è cambiata tantissimo e ciò è stata la sua salvezza.

Come si usano gli hashtag?

Gli hashtag richiedono un’attenzione e uno studio particolare. Innanzitutto va coniato l’hashtag aziendale… quello che rappresenta il brand e dev’essere usato praticamente in tutte le foto e promosso in ogni forma (anche su Facebook, dove gli hashtag così come li conosciamo servono a pochi) affinché le persone lo usino. Può anche non essere uguale al nome del brand, ma una sua declinazione. 
Per esempio, per Uci Cinemas Italia, coniammo #SoloDaUci.
Come detto vanno poi usati con attenzione gli altri tipi di hashtag: vanno evitati quelli che Instagram ha “bannato” perché ormai considerati di spam o perché fanno riferimento a comportamento sessuali o diseducativi. Inserire uno di questi all’interno della propria foto, annulla tutti gli altri: la foto non sarà ricercabile per nessuno degli hashtag inseriti.
Poi vanno evitati quelli di spam che hanno troppi utilizzi: il loro eccessivo uso fa sì che nel giro di pochi secondi la nostra foto finisca nel “feed dell’hashtag” e i soli a interagire saranno i bot, non le persone vere.
Inoltre vanno poi evitati quelli che invece hanno pochi utilizzi: ad esempio, in quanti cercherebbero le foto con l’hashtag #viarepubblica62barrabparma? Credo proprio nessuno :)

Come un professionista potrebbe gestire Instagram per il  personal branding?

In un mondo ideale, un professionista dovrebbe avere un account personale e un account professionale… il mondo reale, però, ci dice che ciò è praticamente impossibile… si finirà sempre col seguirne solo uno. Dovrà essere bravo a non far vedere o scrivere mai nulla che non farebbe mai vedere o scriverebbe ai suoi clienti. 
Un giorno mi capitò che una persona mi annullò all’ultimo un appuntamento per “motivi di lavoro”, mi disse… poi vidi su Instagram una sua foto mentre era in piscina con la compagna. Ci rimise un po’ per riconquistare la mia fiducia.
Se per un’azienda il grosso rischio è usare Instagram solo come catalogo prodotti, per un professionista è quello di trasformare il proprio profilo nella fiera del selfie e di raccontare solo i propri successi. Bisogna essere bravi a bilanciare selfie, foto normali scattate personalmente (e ben editate) e se attinenti al proprio lavoro anche grafiche realizzate al computer o foto stock acquistate… (purché in linea col proprio stile: i follower non devono accorgersene).

D8X 5323

Quali sono le tipologie di aziende che hanno un maggior riscontro di questo social network?

Hanno naturalmente vita facile quelle aziende b2c il cui settore è molto visual: quelle che operano nella moda, nel food, nel design, nel settore viaggi… per questo tipo di aziende è anche molto semplice avere gli “UGC” (User generated content – ossia i contenuti generati dagli utenti) da usare (sempre con il loro permesso, ovvio!) per creare il senso di community.

Un evento è adatto per creare un live?

Assolutamente! Da qualche tempo c’è proprio la funzione diretta apposita che verrà visualizzata come storia… non solo rimarrà visibile per 24 ore tra le storie, appunti, ma sarà anche possibile creare una raccolte tra le storie in evidenza dove salvare la diretta per sempre… o almeno fin quando non è pronto il video dell’evento ben montato!

 D8X 5356

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto evento

Facebook 

Cosa è tolktolk

#tolktolk è il format ideato dalla giornalista Dora Carapellese, nel quale vengono affrontate tematiche relative alla comunicazione e all’aspetto digitale. Il sottotitolo di #tolktolk è conversazioni tra professionisti perché è un confronto costruttivo, un erogatore di spunti e un modo per fare chiarezza nel vasto e articolato mondo del web.

Chi è

Davide Morante

Partner

Il Titolo TV

Roberto Salvatori Fotografo

 

Letto 726 volte

#tolktolk

Ultimora

 

Chi sono

Sono Dora Carapellese, mi occupo di comunicazione, offrendo servizi di ufficio stampa, scrittura per l'editoria e formazione.

Articoli recenti

Seguimi su Instagram